Il blog di Vendora.it

La quotazione dei mezzi storici

La quotazione dei mezzi storiciUna delle domande che capita molto spesso di sentire a fiere e raduni, in riferimento ad un veicolo d'epoca, riguarda il suo valore. E' una domanda che, naturalmente, si pongono anche coloro interessati ad acquistare o vendere un'automobile o una motocicletta storica, specie se si stanno avvicinando per la prima volta a questo ambito.
Dei riferimenti di massima più o meno precisi si possono avere tramite varie fonti:

  • quotazioni di autorevoli riviste del settore;
  • prezzo medio di modelli simili in vendita;
  • valutazione di una persona esperta.

Detto ciò, nello stabilire il valore di mercato di un mezzo storico ci sono una serie di aspetti particolarmente importanti da tenere in considerazione, aspetti che possono apparire scontati a chi ha esperienza, ma che non lo sono affatto per il neofita.

Condizioni

Come è ovvio, il primo passaggio riguarda le effettive condizioni del mezzo in questione.
In questo senso, ci si riferisce alle condizioni della carrozzeria e degli interni, della meccanica e delle altre funzionalità presenti (es. impianto elettrico).

In linea di massima, un veicolo conservato in condizioni eccellenti, originale e completo in ogni sua parte, è in genere valutato di più anche rispetto ad un restauro eseguito professionalmente, ed il prezzo può superare anche di molto la quotazione media di mercato.
Alla quotazione media si avvicinano gli esemplari conservati in buone condizioni e senza problemi significativi.

Le condizioni del veicoloQuando invece, come accade in molti casi, ci troviamo di fronte a mezzi che necessitano di interventi più o meno importanti riguardo carrozzeria, meccanica o altri aspetti, sebbene sia evidente come questi possano contribuire a determinare il valore del veicolo in oggetto, l'incidenza sul prezzo stesso dipende anche dallo specifico modello, in base a:

  • reperibilità degli eventuali pezzi di ricambio necessari, nonché la facilità nel trovare officine specializzate al riguardo per un restauro;
  • valore medio di mercato: per un mezzo dal valore elevato può essere più ragionevole, da un punto di vista strettamente economico, ipotizzare un restauro anche molto costoso;
  • riferendoci in primis alle automobili, alcune problematiche riguardo carrozzeria (tipicamente presenza più o meno importante di ruggine), pianale o altri elementi strutturali, possono richiedere interventi di restauro dal costo importante.

Originalità

L'originalità del veicolo, specie per mezzi in buone condizioni, incide in maniera importante sul valore economico, e riguarda sia l'estetica che la meccanica.
Esemplari modificati in maniera importante riducono drasticamente il loro valore, dato che in molti casi il ripristino delle condizioni originali può essere costoso e complicato.
Anche un restauro non professionale (per citare un esempio classico, un veicolo riverniciato di un colore non originale) svaluta il valore del mezzo.

Una questione su cui c'è un certo dibattito, riguarda invece quelle modifiche risalenti agli anni di commercializzazione del veicolo o realizzate comunque con parti dell'epoca, coerenti con pratiche effettivamente in uso nel periodo.
In questo caso è comunque importante tenere presente l'effettiva possibilità, anche solo teorica, di ripristinare o meno le condizioni originali.

Documentazione

DocumentazioneCome è ovvio, la presenza o meno della documentazione completa in ogni sua parte incide sul valore del mezzo.
Con documentazione ci riferiamo sia a quella richiesta sul piano legislativo (certificati, targhe originali), sia a quella comunque legata al veicolo (manuali).
La regolarizzazione di un esemplare d'importazione o radiato può comportare spese più o meno elevate, e la presenza di targhe non originali può comunque diminuire il valore.

Altro aspetto da tenere in considerazione, è l'eventuale omologazione ASI o di autorevoli registri storici, buona garanzia di originalità del veicolo.
Meno significativa ma comunque di una certa importanza la più semplice iscrizione agli stessi enti di cui sopra, che richiede vincoli decisamente meno stringenti.

Interesse

Affrontiamo infine un aspetto strettamente soggettivo.
Il valore di un mezzo, semplicemente, è determinato anche dall'interesse dell'acquirente al riguardo.
L'interesse può essere influenzato dalla rarità dell'oggetto, da motivazioni affettive e emotive, da aspetti anche irrazionali tipici dell'appassionato e tipici di molte passioni.
Si può desiderare con determinazione un certo modello, magari con certe particolari caratteristiche (un preciso colore, la targa di una specifica provincia...), così da essere disposti a pagarlo ben più del suo effettivo valore commerciale.
Nulla di male e nulla di strano, in fondo stiamo parlando anche e soprattutto di una passione, l'importante è essere ben consci di ciò che si acquista.

Ricerca veloce